Francesco a Rio per incontrare i giovani.

Publicado el 22/07/2013

Primo bagno di folla, corteo bloccato.

RIO DE JANEIRO - Un bagno di folla sin troppo avvolgente. Che ha creato una situazione di rischio per l'auto con a bordo il Papa più volte bloccata. Una situazione di estremo pericolo, che si è ripetuta più volte durante il tragitto, complice la scelta di Francesco di non usare l'auto blindata e di lasciare i finestrini aperti per stringere le mani dei fedeli. Ad un tratto, nel momento di maggior rischio, la security è entrata nell'auto, «blindando» in qualche modo Francesco e allontanando - anche con rudi spinte se non veri e propri schiaffi - i fedeli, pericolosamente ammassati all'auto. Giunto davanti alla Cattedrale, il Papa ha infine cambiato vettura salendo sulla jeep bianca inviata da Roma. Un foglio di plexiglas lo protegge dalla pioggerellina che ha iniziato a scendere.

L'ARRIVO - Francesco è sbarcato a Rio de Janeiro lunedì 22 luglio poco prima delle 16 ora locale - le 21 in Italia - segnando l'inizio ufficiale delle celebrazioni per la Giornata mondiale della gioventù 2013 (Gmg). E' stato ricevuto all'aeroporto internazionale dalle autorità brasiliane, in testa la presidente Dilma Rousseff. Avendo chiesto espressamente di non avere incontri ufficiali prima di salutare la gente, era previsto che Francesco si recasse subito in automobile alla volta della Cattedrale metropolitana, per poi salire sulla papamobile e salutare la folla in un percorso di un paio di chilometri lungo le strade del centro. Francesco aveva a chiesto e ottenuto - così come per tutti i bagni di folla della settimana - di non usare i vetri blindati di protezione. Solo dopo, il Papa si dovrebbe recare al palazzo Guanabara, sede del governatore di Rio, per l'accoglienza ufficiale delle autorità.

MANIFESTAZIONI - Lo schieramento di polizia ed esercito per la sicurezza del Papa è gigantesco, e un certo nervosismo tra le autorità è innegabile dopo che dal Vaticano sono giunte inflessibili le richieste del Papa per quanto riguarda il suo contatto con la gente. Attraverso Facebook, Anonymous Rio ha convocato una manifestazione per le 18 vicino al palazzo del governatore, luogo al quale la polizia proibirà certamente l'avvicinamento del corteo. «Non è una protesta contro il Papa o la Chiesa cattolica. Ma un grido contro la corruzione e per servizi pubblici più degni», dicono gli organizzatori. Nei giorni scorsi le manifestazioni convocate da questo gruppo sono sfociate in atti di vandalismo e scontri con la polizia. Da cui l'allarme massimo. Un'altra marcia è stata convocata per venerdì a Copacabana, non lontana dal palco montato per il Papa.

PRIMO FUORI PROGRAMMA - Papa Bergoglio ha chiesto e ottenuto un'aggiunta all'agenda della settimana per dedicarsi in particolare ai pellegrini arrivati dall'Argentina. Incontrerà i connazionali giovedì pomeriggio in uno spazio pubblico prossimo al Sambodromo chiamato Terreirão do Samba, dove si tengono concerti di musica popolare durante il Carnevale. Gli argentini sono la comunità straniera più presente alla Gmg, anche se molti non sono riusciti ad imbarcarsi per Rio a causa dei costi e delle restrizioni bancarie in atto in Argentina. Mistero fitto invece sulle attività di papa Francesco nella giornata di martedì: l'agenda ufficiale non riporta alcuna attività.

Di Rocco Cotroneo

www.corriere.it