Addio a Diego Armando Maradona

Publicado el 26/11/2020

MORTO IL DIO DEL CALCIO

Diego Armando Maradona è morto a 60 anni. L'ex campione argentino, che era allenatore del Gimnasia, ha avuto una crisi cardiorespitatoria nella sua abitazione a Tigre, nei pressi di Buenos Aires, ed è deceduto intorno alle 12 ora locale, nonostante i soccorsi portati da ben nove ambulanze: i medici hanno tentato di rianimarlo senza successo. Maradona aveva compiuto 60 anni il 30 ottobre e si era sottoposto a un'operazione alla testa il 4 novembre scorso per rimuovere un ematoma subdurale. Tornato a casa l'11 novembre, sembrava sulla via della ripresa. "Ha avuto una crisi respiratoria" ha riferito in lacrime il fratello Hugo, anche lui ex calciatore. 

La commozione di Napoli

L'ex Pibe de Oro lascia tantissimi affetti anche a Napoli, dove è un mito per i suoi sette anni di militanza nel club partenopeo, che aveva guidato alla vittoria di due storici scudetti nel 1987 e nel 1990. "Per sempre, ciao Diego", è il tweet del Napoli per commemorare il suo ex fuoriclasse. Choc nella città campana per la morte dell'idolo di migliaia di tifosi. La notizia, alla quale molti ancora stentano a credere, è rimbalzata sui telefonini. In pieno centro, in piazza Municipio una sola voce: "Era il più grande di tutti". Anche a Fuorigrotta, là dove si trova il San Paolo, suo tempio calcistico, c'è chi si commuove. In tanti ricordano le sue straordinarie giocate. E una donna, riferisce l'Ansa, dice "questo 2020 è veramente l'anno peggiore".

Lutto nazionale in Argentina

Il governo argentino ha proclamato immediatamente tre giorni di lutto nazionale: "Non posso crederci, sono devastato, e' la notizia peggiore che un tifoso dell'Argentinos Jrs possa ricevere. Lo amiamo tutti e in tutti noi c'e' grande tristezza", sono le parole rilasciate al Clarin dal presidente dell'Argentina, Alberto Fernandez.

 

corrieredellosport.it